Facebook Posts

6 days ago

ARPA edizioni - psicoterapia, narrazioni, letteratura, parole

Ecco il secondo volume del primo numero della rivista Wise Baby con articoli molto interessanti sul trauma. complimenti alla Società Italiana di Psicoanalisi e Psicoterapia SF.
Lo trovate qui: arpaedizioni.it/prodotto/the-wise-baby-il-poppante-saggio-rivista-del-rinascimento-ferencziano-20...L'Editoriale di Carlo Bonomi ed Ornella Piccini sul nostro sito www.societaferenczi.it
... See MoreSee Less

View on Facebook

"Avevi ragione: in fondo, sto cercando un compagno per un viaggio immaginario. Ma hai sbagliato nel dire che forse non ho bisogno di un compagno reale. E’ esattamente il contrario: ho bisogno di un compagno reale per il mio viaggio immaginario".
David Grossman - Che tu sia per me il coltello
... See MoreSee Less

View on Facebook

"Perché la pelle è permeabile dal suo lato opposto: può fermare il mondo, ciò che viene da fuori, ciò che vuole entrare, ma non può fermare ciò che da dentro preme per uscire".
Come le fragilità del terapeuta incontrano le fragilità del paziente? Come le nostre fragilità dialogano silenziosamente con le parti fragili di chi ci sta vicino? “Il lato opposto della pelle” lo comprate qui: www.historicaedizioni.com/prodotto/il-lato-opposto-della-pelle/
oppure su tutti gli store ed in libreria.
"Si possono insegnare emozioni che non si è sicuri di possedere? Si può aiutare l’altro a guarire se non si è certi d’essere guariti? La storia di Teresa, all’inizio bambina complicata allontanata dalla propria famiglia, poi giovane neuropsichiatra, incontra le storie di ragazzi rotti che urlano, piangono, scappano, si innamorano, vivono nella comunità per adolescenti in cui si ritrova, quasi per caso, a lavorare. Poco fuori Trento, Teresa dopo il lavoro raggiunge la baita di Luciano, uomo che sa ascoltare. Teresa condivide il proprio incespicare clinico con il dottor Baldo, supervisore dai capelli grigi a cui confida le proprie fatiche. Insieme ad altri personaggi riempiono la quotidianità de Il lato opposto della pelle e ne costruiscono il lieto fine".
... See MoreSee Less

View on Facebook

cari amici lettori è uscito il nuovo numero della rivista Il Punto del Cerp: L’estremo
Perché l’Estremo?

Come clinici percepiamo sempre più frequentemente che la realtà in cui viviamo e che vivono i nostri pazienti abbia a che fare con un mondo i cui confini si stanno consumando. Sempre più spesso ascoltiamo un linguaggio che rimanda ad esperienze vissute come estreme e le informazioni veicolate dai mass-media – a loro volta globalizzate e quindi estreme – ci rendono partecipi di vicende descritte come tali.

L’ambito strettamente assegnato ha un territorio preciso: La Clinica dell’estremo.

dall’editoriale di Roberta Bommassar e Simona Taccani

lo trovate qui: arpaedizioni.it/prodotto/lestremo-ilpunto-quaderni-del-cerp-di-cultura-psicoanalitica-2/
... See MoreSee Less

View on Facebook

1 month ago

ARPA edizioni - psicoterapia, narrazioni, letteratura, parole

«Il forse è la parola più bella del vocabolario italiano, perché apre possibilità, non certezze. Perché non cerca la fine, ma va verso l’infinito».

Giacomo Leopardi
... See MoreSee Less

View on Facebook
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]